• Diego Pianalto

IL VIETNAM - UNO STILE DI VITA

Aggiornato il: 8 apr 2019





Il Vietnam è stato uno dei paesi della penisola sud-est asiatica che più mi ha ispirato e colpito.

Ho deciso di attraversalo lungo la costa da sud a nord, avendo poi progettato di attraversare il confine verso il Laos dalla parte settentrionale del paese.

Per questo motivo sono atterrato all’aeroporto di Ho Chi Minh, ex capitale dello stato vietnamita all’epoca chiamata Saigon (nome anche del fiume che attraversa il paese), ma ancora la città più popolata del Vietnam.

Infatti, la cosa che ti colpisce subito all’arrivo come in molte altre grandi città asiatiche è “l’artistico” traffico che regna nelle strade, dove le regole non esistono se non la capacità e il CORAGGIO di saper guidare evitando tamponamenti e collisioni abbastanza probabili tra i migliaia di scooter, aiutandosi con il clacson o trombette suonate in continuazione senza sosta.

Mi ricordo il viaggio in taxi verso l’ostello, un sacco di risate che in verità nascondevano anche un po’ di paura delle brusche sterzate e frenate del conducente che quasi si divertiva e stimolava nel dimostrare le proprie abilità, ma che allo stesso tempo trasmetteva una grande energia e adrenalina.

Ho Chi Minh è la classica grande città, centro commerciale del paese e punto strategico visto la posizione geografica in cui è situata, con qualche piccolo grattacielo ma ancora ben tenuta nella sua classica tipicità vietnamita, soprattutto se ti lasci trasportare senza mappa tra le vie più autentiche della città.

Solo così puoi vedere la realtà dei vietnamiti: tutto si fa lungo la strada nei marciapiedi: puoi trovare fabbri, calzolai, perfino cuochi, lavorare scambiando qualche parola con l’amico di passaggio. Si mangia lungo la strada, lungo un marciapiede nei piccoli tavolini e sedie usate da noi per i bambini, come si può fare il pisolino sdraiati nella propria moto, seggiolino o amaca tirata tra gli alberi di un marciapiede, vivendo la quotidianità con molta tranquillità e senza nessun tipo di pressione.

Ho trovato i vietnamiti sempre molto cordiali, ci si saluta sempre e se non parlano inglese, riescono sempre a trovare il modo per comunicare con te.

Da provare sicuramente tutto della cucina vietnamita, l’ho amata molto: dal classico “Pho”, una zuppa con germogli di soia ed erbe varie, con qualsiasi variante: dalla carne di manzo, maiale, pollo o semplicemente noodles con verdure. I piatti a base di riso, le zuppe, gli involtini e le polpette, ce n’è di tutti i gusti, sia per vegani che vegetariani e tutto a prezzi veramente modici, da 0,65 centesimi!

Da non dimenticare di provare il classico caffè vietnamita, bevuto da loro come una normale bevanda, costituita da tre classici ingredienti: caffè macinato, acqua calda e latte condensato.

Il tutto viene servito con la loro classica caffettiera, costituita da più filtri che fanno scivolare nella tazzina il caffè goccia dopo goccia. L’aspettare il caffè scendere da questa caffettiera sembrava quasi un rito, mi rilassava e trasmetteva il loro stile di vita: “wait, take it easy and enjoy your life!”




#viaggio #vietnam #hochiminh #asia

10 visualizzazioni